Come si comporta il narcisista? Come riconoscerlo? Scoprilo in questo articolo!

B. sostiene di aver conseguito una specializzazione ingegneristica negli Stati Uniti. Un giorno si trova a passeggiare in compagnia di un suo amico quando un turista di lingua inglese si avvicina per chiedere informazioni. B fa rispondere l’amico, lei non aveva capito cosa volesse il turista.

D. racconta ad amici e conoscenti di essere il proprietario di una grande azienda edile. Peccato che da un mese sia in cassa integrazione.

Un collega racconta a S. di aver lavorato settanta ore consecutive per consegnare l’ultimo progetto. Poco tempo dopo, in un convegno, S. ripropone la stessa storia non ricordandosi che quel collega è lì presente.

F. dice di aver lavorato come progettista per grandi aziende di fama mondiale, cantieri navali e addirittura per la NASA, ma scrocca passaggi dai suoi amici, perché non ha i soldi per aggiustare lo scooter.

Il narcisista inizialmente è molto brillante e coinvolgente. Quando conosce una persona nuova sceglie con cura degli episodi da raccontare per apparire  supereroe o vittima, coinvolgendo i suoi interlocutori. E’ caratterizzato da un Sé grandioso, da un’immagine idealizzata della sua vita e delle sue qualità. Esagera, non pensando che gli altri possano mettere in discussione le sue parole. Estrapola alcuni elementi dai racconti altrui, li elabora fantasticamente affinchè appaia come vincitore. A suo dire ha un successo straordinario, amici in grande quantità pronti a sacrificarsi per lui/lei. La ricerca spasmodica di persone  che lo ammirino è il suo unico obiettivo.

Il narcisista parte da una negazione dei propri sentimenti e di quelli altrui: diventa subito grande amico, regalando oggetti e compiendo favori non richiesti  invadendo la vita dell’altro. Non si rende conto che il suo modo di fare potrebbe risultare imbarazzante, ma anche se fosse così, sarebbe contento in quanto persino la figuraccia è utile per apparire unico e superiore.

Presto o tardi, qualcuno non sarà più disposto ad assumere il ruolo di pubblico osannante e inizierà a dubitare dei suoi racconti. Con la stessa velocità con cui è diventato amico, il malcapitato passerà nel settore “nemici”. A quel punto il narcisista non perderà occasione per provocarlo e denigrarlo in pubblico allo scopo di farlo reagire, per mostrare agli altri di essere lui/lei stesso/a la vittima. Il vero obiettivo è quello di apparire sempre fantastico/a.

Il narcisista non lascia avvicinare nessuno, altrimenti verrebbe scoperto il suo tremendo senso di inadeguatezza. Esistono soltanto due casi in cui egli/ella riesce ad avere delle relazioni approfondite:

Quando entra in contatto con un “crocerossino” o una “crocerossina” che lo assecondano in tutto, nella speranza di salvarlo.
In questo caso il narcisista agisce senza scrupoli: insensibile alle emozioni altrui gioca uno spietato tira e molla, facendo credere di avere un’ampia scelta di pretendenti mentre distrugge emotivamente il/la compagno/a, denigrandolo/a sia in privato che in pubblico. Quando viene minacciato di essere lasciato promette di migliorare implorando l’aiuto dell’altro che, essendo crocerossino/a, non sa resistere a una persona bisognosa e ricade nella trappola.

oppure

Quando si relaziona con persone simili a lui/lei.
In questo caso, entrambi sono pronti a sostenersi a vicenda nel loro mondo irreale e fantastico.

Per il narcisista, dunque, gli altri non sono visti come esseri umani, ma come oggetti per raggiungere uno scopo. Il narcisita nega la sua anima a favore dell’apparenza, ama la propria immagine fasulla. Propone agli altri modelli di perfezione e bellezza esteriore irraggiungibili, l’abbondanza di denaro e fama come le sole cose da ottenere e la furbizia come stile di vita.

Conoscete qualche narcisista? Vero?

Dr. Pier Luigi Avolio
www.wellnessinside.it
Riceve su appuntamento negli studi di Pisa, Livorno, Levanto(SP)

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *