Ti piace la solitudine?

E’ una parola che genera  pensieri diversi:  qualcuno non riesce a farne a meno, altri non la sopportano e altri ancora la amano.

Alcuni creano un’ancora di salvataggio esterna che si rivela una delusione proprio perché vi sono state riposte tante aspettative. Avviene un’ idealizzazione dove siete portati a credere che un’altra persona, una religione o un gruppo di altre persone possano risolvere il vostro problema. Quando smettete di aspettarvi che la realtà vada come volete voi sarete dotati di una grande fiducia.

Alcuni associano al concetto di solitudine un significato positivo: questo perché dai  condizionamenti infantili provengono le idee principali che vi siete fatti su questa parola. Altri rimangono in solitudine perché hanno paura di sentirsi inadeguati.

L’equilibrio ideale è una alternanza tra  solitudine e compagnia. Un eccesso di compagnia necessita di un periodo di silenzio e riposo che permetta di gustare pienamente il vostro corpo e i pensieri più piacevoli.

Vi potete allenare a stare bene:

ogni giorno, provate a rimanere in silenzio per qualche minuto, senza guardare la televisione e con il vostro telefono spento iniziando a osservare il luogo in cui vi trovate. Praticando con regolarità riuscirete a osservare le cose con equilibrio e vi accorgerete che la bellezza è ovunque. Provateci!

www.wellnessinside.it

Dr Pier Luigi Avolio

Psicologo, mental& business coach

Riceve su appuntamento a Pisa-Livorno-Levanto(SP)

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *